Instrukcja obsługi programatora giętarki typu cncs wersja 0 sommario


PROGRAMMAZIONE DI CURVE E CONTROCURVE SULLO STESSO PIANO CON CURVATRICE A TRE RULLI E TERZO ASSE (“Z”)



Pobieranie 0.7 Mb.
Strona17/25
Data07.05.2016
Rozmiar0.7 Mb.
1   ...   13   14   15   16   17   18   19   20   ...   25

PROGRAMMAZIONE DI CURVE E CONTROCURVE SULLO STESSO PIANO CON CURVATRICE A TRE RULLI E TERZO ASSE (“Z”)


Anche se con alcune limitazioni dovute all’ingombro della macchina e ad eventuali possibili collisioni col pavimento, si possono ottenere curve e controcurve come quella programmata precedentemente .

Prendiamo appunto la figura la quale abbiamo appena esaminato.

Alcuni procedimenti di curvatura sono gli stessi salvo che nella parte centrale del programma, ovvero dove il raggio di curvatura cambia senso.

Nella macchina a tre rulli non avremo la possibilità di programmare raggi negativi come R=-800.

Occorrerà programmare sempre raggi positivi (R=800) ma non prima di aver fatto ruotare il tubo di 180 gradi.

In questo caso possiamo parlare solo di tubi, in quanto solo i tubi tondi consentono la rotazione su se stessi usando i rulli di curvatura come culla per la loro rotazione.

Dopo aver programmato la curvatura della quota R=800 non bisogna dimenticarsi di effettuare nuovamente la rotazione del tubo per eseguire l’ultimo raggio nuovamente nella stessa direzione del primo.

La sequenza delle figure 1, 2 e 3 mostra come si deve comportare il tubo durante la curvatura di un prima curva e di una seconda controcurva.

Nella figura 1 il tubo avanza per eseguire un tratto di curva. Il rullo curvatore é in posizione di curvatura e la X avanza per la lunghezza pari allo sviluppo della prima curva.

Nella figura 2 per prima cosa il rullo curvatore deve tornare almeno alla posizione di accostamento, (meglio se leggermente al di sotto) in modo che il tubo non subisca inutili e dannosi attriti sul rullo curvatore. Nello stesso tempo la barra deve avanzare di almeno 200 mm. in modo che successivamente, durante la rotazione del tubo, la parte curvata del tubo non vada in collisione con le pareti del rullo curvatore.


L’asse Z fa ruotare il tubo attorno al proprio asse di -180° in modo che la parte curvata precedentemente si trovi in posizione opposta alla precedente, quindi verso il basso. Attenzione di programmare la quota “Z” negativa in modo che il tubo ruoti verso la parte anteriore della macchina e non verso la macchina.
Dopo ciò possiamo far indietreggiare il tubo in modo da recuperare parte di quei 300 mm, e ridurre il più possibile la parte che rimarrà inevitabilmente diritta.

La figura 3 mostra la curvatura del raggio centrale.

La programmazione della parte successiva sarà simile a quella precedente, con il ritorno del rullo curvatore a Y=Ac., il ritorno del tubo per recuperare la parte diritta ed il raggio successivo uguale al primo.

Alla fine si può immaginare una tabella come quella che segue:



indice

passo

Mv X

Vel. X

Mv Y

Vel. Y

R

Mv. Z

Vel. Z

1

Y

0

0

500

4

INFIN.

0

0

2

X

500

4

500

0

INFIN.

0

0

3

XY

314

2

1472

7

300

0

0

4

XY

200

4

400

6

INFIN

0

0

5

Z

0

0

400

0

INFIN

-180

4

6

XY

-50

4

500

2

INFIN

0

0

7

XY

1675

4

986

4

800

0

0

8

XY

200

4

400

3

INFIN

0

0

9

Z

0

0

400

0

INFIN

-180

8

10

XY

-50

4

500

2

INFIN

0

0

11

XY

314

2

1472

7

300

0

0

12

XY

300

4

0

6

INFIN

0

0

13

-

F

I

N

E

-


































Come si può notare, abbiamo ripreso la tabella del programma precedentemente realizzato per le macchine SLALOM ed abbiamo inserito 2 passi per la programmazione della rotazione del tubo.

Abbiamo inoltre fatto altre correzioni.


Nei passi 4 e 8 abbiamo fatto avanzare il tubo di 200 millimetri e nei passi 6 e 10 siamo tornati indietro di soli 50 millimetri. Questo é necessario poiché il diametro esterno dei rulli non consentono una riduzione della parte diritta così come per nella tabella precedente.

Inoltre, nei passi 4 e 8 abbiamo lasciato il rullo curvatore più basso della posizione di accostamento, ed abbiamo recuperato la posizione di accostamento nei passi 6 e 10 dove ormai la rotazione era avvenuta.





1   ...   13   14   15   16   17   18   19   20   ...   25


©absta.pl 2019
wyślij wiadomość

    Strona główna